1

orientales

DOMODOSSOLA - 21-07-2022 -- Museo Immaginario – L'École des Italiens- M.me Webb e Sali & Pistacchi (in piazza Mercato), presenteranno martedì 26 luglio uno scatto dell'iconico studio fotografico celebre per le immagini orientaliste: Lehnert & Landroch.

Da un testo critico di Dario Gnemmi. "[...]l’arte di Lehnert & Landroch muta l’orientalismo da pura moda (anche di ambito pittorico), per cui l’atteggiamento dell’osservatore si traduceva in sostanza, ad una vera e propria percezione della cultura di riferimento, attraverso l'elezione del paesaggio e delle figure umane a soggetto puro, cui si indirizzano una mentalità e un modo di essere nell’atto dell’indagine fotografica.
Lehnert & Landroch sono gli ultimi eredi di un orientalismo che, al di là di essere una moda, fu un vero e proprio principio di vita.
Rudolf Franz Lehnert, nato il 13 luglio 1878 a Grossaupa in Boemia, fotografo e creatore, fu il primo a scoprire l’Oriente.
A partire dall’anno 1904 Lehnert entra in società con Ernst Heirich Landroch, nato il 4 agosto 1878 a Reinsdorf, Sassonia, valido e intraprendente spirito commerciale, con le sue doti di imprenditore intuisce il possibile successo della nuova Società Lehnert & Landroch.
Dal 1904 fino alla Prima Guerra Mondiale, sono l’Algeria e la Tunisia a formare il principale riferimento artistico della loro Società di fotografia. Scene di deserto, oasi, o nudi nordafricani, furono diffusi da Lenhert & Landroch sotto forma di fotografie, fotogravures, cartoline postali. Dopo la Guerra e un periodo di internamento forzato in Svizzera, i due associati si stabilirono in Egitto, creandovi L’orient Kunst Verlag.
Oltre ad una visione completa e tradizionalmente realistica di un Egitto restituito al fruitore senza retorica e senza secondi fini, Lenhert & Landroch hanno privilegiato l’intervento fotografico documentale riguardante soprattutto i tesori della tomba di Toutankamon esposti al Museo Nazionale del Cairo. Le fotografie cairote si integrano perfettamente con i resoconti artistici della Palestina, di raro effetto e di sempre altissima qualità.
I due associati si separano nel 1930, lasciandosi alle spalle uno sguardo unico sull’Oriente, non macchiato dall’inclinazione occidentale per l’esotismo o per l’erotismo, invece estremamente attento al rispetto dei valori tradizionali. Diciotto anni dopo la separazione morirà Lehnert, nel 1966 avviene la morte di Landroch".