1

kiwanis oberwallis

DOMODOSSOLA- 26-03-2022-- Sono trascorsi ben sedici anni, risale infatti all'anno 2006 la sottoscrizione ufficiale del gemellaggio tra il Kiwanis Club Oberwallis e il Kiwanis Club Domodossola, da quando i presidenti pro tempore dei due Club di allora, Benedickt Burghener e Piero Pagani, hanno deciso, in pieno accordo con tutti i soci dei rispettivi Club, di formalizzare l'atto che sanciva ufficialmente l'impegno di un forte rapporto di amicizia e di collaborazione, nell'espletamento delle finalità previste dallo statuto del Kiwanis International, da attivare periodicamente ogni anno.

La sottoscrizione ufficiale dell'atto di gemellaggio avvenne in due tempi distinti: in primis nella sede ufficiale del Club domese di Domodossola, ospite graditissimo e testimone dell'evento l'allora Prefetto della Provincia del Verbano Cusio Ossola dottor Domenico Cuttaia; successivamente nella sede di Briga del Club vallesano, ospite graditissima l'allora sindaca di Briga Viola Amherd, attuale Consigliere della Confederazione Elvetica.

Da allora ogni anno, alternativamente, i rispettivi soci dei due Club si sono incontrati una volta in quel di Briga e una volta a Domodossola.

Non sono mancati poi altri incontri, in Italia e in Svizzera, sia a livello ufficiale di Club, sia a livello di reciproca amicizia personale, che hanno contribuito a rinsaldare ancor più i legami tra i soci dei due Club.

Giovedì sera 24 Marzo, nel salone ristorante dell'Albergo Corona di Domodossola, una cinquantina di persone, tra soci dei due Club e ospiti, si sono ritrovati per rinnovare il rapporto di gemellaggio e trascorrere insieme una piacevole serata.

Dopo l'ascolto degli inni Kiwaniano, Vallese e Italiano, il Presidente del Club domese Gianfranco Parlanti ha salutato con calore gli ospiti Vallesani, tra cui l'attuale Presidente del Club Oberwallis Frank Kreuzer, il Presidente Eletto David Guntern e il past President Benedickt Burghener.

Al termine della cena, come sempre servita con grande professionalità dal titolare del ristorante Eros Ruga, un evento particolare ha intrattenuto per una quindicina di minuti tutti i commensali.

Stefan Ruppen e Maria Pia Pallotta, hanno letto il testo di un racconto dai titoli “Ul Pian dul Scricc” in tedesco e “Il Piano dello Scritto” in italiano, che narrava la storia del contenzioso che, per parecchi anni, ha visto combattere su fronti contrapposti, le genti Vallesi e Valdivedrine; le prime per conquistare l'Ossola come sbocco verso il mare, le seconde per difendere a costo della loro vita questi territori.

Un aspetto interessante del racconto, è stato l'intreccio di una storia tra due giovani, uno vallesano e uno divedrino, che, incontratisi improvvisamente nella veste di nemici, scoprono di provare vicendevolmente un forte sentimento di attrazione, che però non avrebbero mai potuto esternare, in quanto, a quel tempo, le diversità non sarebbero mai state accettate. I tempi non erano pronti!

Il racconto terminava con la domanda: “Lo saranno mai?”.

Prima dei tradizionali saluti, il Presidente Parlanti, a nome del Club domese, ha consegnato a ogni Kiwaniano Vallese una biro con citato l'evento odierno e una bottiglia di vino ossolano “Munaloss”.

Piero Pagani