1

toc 2020

COSSOGNO - 25-12-2021 -- Si ripeterà anche domani la millenaria tradizione del toc di Cossogno. Già nel Medioevo (una pergamena dell’archivio pastorale nel parla già nel 1328) era in vigore l’usanza che i proprietari terrieri provvedessero, nel giorno di Santo Stefano, a garantire la distribuzione di pane –il toc è un pezzo di pane nero di segale– alle famiglie che quel cibo non potevano permetterselo. Di secolo in secolo, da una generazione all’altra, nella parrocchia di San Brizio la tradizione s’è ripetuta sino ai giorno nostri. E lo sarà anche domani alle 15,30, nella cerimonia che per la prima volta celebrerà don Marco Masoni, da settembre parroco delle comunità di Trobaso e Cossogno. Il sacerdote benedirà il pane che, poi, sarà distribuito all’esterno, naturalmente con le dovute accortezze sanitarie e nel rispetto dei protocolli Covid.

Sarà anche l’occasione per la parte “civile” della festa, durante la quale il sindaco annuncia colui che sarà insignito, in una cerimonia da tenersi in febbraio, del toc d’argento, premio a chi ha operato per il bene di Cossogno e dei cossognesi.