1

alpe devero

STRESA - 29-10-2021 - Quattro videoclip per conoscere il comprensorio del Distretto dei Laghi in ogni sua specificità, dalle montagne dell’Ossola, ai laghi d’Orta e Maggiore, alle colline tra Alto Novarese e Vco: è la nuova sfida crossmediale dell’ente presieduto da Francesco Gaiardelli che, oltre ad intensificare la promozione sul web, punta anche al ritorno di una campagna promozionale sulle televisioni.
“E’ un ragionamento condiviso con il consiglio di amministrazione – sottolinea Gaiardelli che ha deliberato di mettere in campo le risorse necessarie a dare il via a una campagna di comunicazione che partirà dai circuiti televisivi delle regioni ai noi vicine, facendo quindi tesoro di quel “turismo di prossimità” che si è fortemente fidelizzato nei due anni condizionati dalle restrizioni Covid. Saremo quindi presenti su circuiti ed emittenti di Piemonte, Lombardia, Liguria ed Emilia Romagna sconfinando, com’è ovvio, anche con i territori di confine a nord, ovvero la Svizzera che andremo a coprire nella sua interezza”.
I video, attualmente in fase di montaggio, sono stati girati con l’obiettivo di toccare e raccontare il territorio per intero, evidenziandone le diverse peculiarità: uno strumento strategico ed efficace per andare a intercettare un pubblico eterogeneo e, quindi, andare a comunicare le diverse peculiarità del territorio, dalle bellezze naturali ed architettoniche, al segmento sciistico, alla possibilità di poter condensare in poche decine di chilometri ambienti diversi come la collina, la montagna e i laghi.
Un progetto di comunicazione che non si fermerà all’ambito interregionale: “L’intenzione è di tornare presto con una campagna di spot anche sulle reti nazionali, probabilmente già nei primi mesi nel 2022. Torneremo inoltre anche ad approcciare la presenza dei mercati internazionali, con una presenza di cartellonistica sulla città di Amsterdam e, prossimamente, anche Monaco di Baviera e Lione. Abbiamo verificato inoltre l’efficacia della pubblicità su tram e mezzi pubblici di superficie di Milano e Torino – in ordine alla quale faremo un richiamo a breve – e presto la lanceremo anche sulla realtà cittadina più vicina al di fuori dei confini del Distretto, ovvero Novara: un bacino d’utenza molto importante anche nei mesi di bassa stagione”.
Per il presidente Gaiardelli, “è un assaggio di quanto andremo a fare, in maniera ancora più intensa, negli anni a venire: dobbiamo porre le basi per una ripartenza turistica a tutto tondo, fatto di visioni e valorizzazioni identitarie del territorio, ma anche di strategie nuove e in grado di approcciare segmenti in via di sviluppo, come il turismo enogastronomico o quello legato al trekking e ai bikers, implementando l’offerta ricettiva con quello di una “mobilità dolce” dedicata. Va da sé che è importante fare sistema e coinvolgere quanto più possibile gli enti territoriali nella loro interezza, a partire da Comuni e associazioni di settore”.
(c.s)

Foto di repertorio (Alpe Devero)