1

Schermata 2021 07 27 alle 15.12.22

BRIGA - 28-07-2021 - In questi giorni, per la prima volta quest'estate, una carrozza di lusso della grande Compagnia internazionale CIWL a scartamento ridotto ha viaggiato fino alla stazione di Gornergrat a 3089 metri sul livello del mare: il sensazionale viaggio è stato organizzato per celebrare il 90° anniversario del "Glacier Express" e ha lasciato un ricordo indimenticabile nei passeggeri.
La carrozza di lusso con 32 comode poltrone di velluto fu costruita nel 1931 dalla CIWL, una compagnia specializzata in grandi treni espresso attraverso l'Europa ma anche in Egitto e nel Maghreb, per il "Golden Mountain Express" tra (Interlaken)-Gstaad e Montreux: a Montreux l’Espresso aveva una connessione con l'"Orient Express" da Parigi a Constantinopoli.
Le 6 carrozze erano decorate con squisiti tarsie di legno dal famoso "Ebeniste" René Prou. Le grandi finestre panoramiche offrono ai passeggeri una vista meravigliosa. La trazione, o meglio la spinta, della carrozza di 22 tonnellate da Zermatt a 3089 metri sul livello del mare è stata fornita da una potente automotrice della ferrovia del Gornergrat (a meno di 6 km di linea d’aria dal confine Italiano).

Il viaggio in questa bellissima carrozza ferroviaria è iniziato a Tirano che si trova a soli 429 metri sul livello del mare, e ha portato gli ospiti a bordo attraverso il percorso panoramico UNESCO della Ferrovia Retica a St. Moritz, dove è stata aggiunta al "Glacier Pullman Express" via Chur Oberalp Pass e Furka Tunnel fino a Zermatt. I pasti preparati al momento sono stati serviti a bordo del vagone ristorante del 1930. Gli ospiti hanno soggiornato in ottimi hotel a St. Moritz, Andermatt e Zermatt.

Alla fine di agosto e all'inizio di ottobre, viaggi simili - sempre a bordo del treno elegante- saranno organizzati, includendo sempre alberghi splendidi. Ovviamente l'iniziativa è anche una opportunità per il VCO a due passi da Briga, dove passano i treni di lusso.
I viaggi sono organizzati da Pullman-Tours a Hergiswil (www.pullmanclub.ch).

Walter Finkbohner

(Foto: Geni Rohner)