1

BMUhXXXw

MACUGNAGA - 30-06-2021 - Dopo lo stop del 2020 mancano tre settimane alla partenza dei temerari e indomiti atleti che affronteranno la parete Est del Monte Rosa partecipando al MEHT, il III HOKA Monte Rosa EST Himalayan Trail, evento organizzato da Sport Pro-Motion A.S.D.

La manifestazione prende il nome dalla parete Est del Monte Rosa, la più alta delle Alpi e per geomorfologia l'unica di tipo himalayano presente in Europa. Ha un dislivello di 2.600 metri per una larghezza complessiva di quasi 4 km e si trova nel territorio del comune di Macugnaga. Dal paese se ne può scorgere un'ampia sezione, particolarmente impressionante per la vastità delle dimensioni e la distanza ravvicinata. Assieme alla parete valsesiana del Monte Rosa costituisce il versante piemontese del gruppo, contrapposto a quello valdostano e a quello svizzero.

Cinque le gare e distanze in programma per accontentare tutti gli atleti, da quelli che si cimenteranno nell’impresa più ardua a quelli che vogliono fare un’esperienza meno impegnativa o ai familiari che avranno l’occasione di vivere il territorio in assoluta libertà e sicurezza. Tutte le manifestazioni avranno partenza e arrivo al Centro Sportivo di Pecetto di Macugnaga.

La grande novità è la distanza ‘maggiorata’, nasce la ultra 105K/8.000 D+, l’ultra distanza per atleti tecnicamente preparati con partenza alle 4:00 del mattino di sabato 17 luglio; percorso da completare in un massimo di 36h con 8000m D+ ed il punto più alto al P.so del Monte Moro (2.868m). Per iscriversi, gli atleti devono aver acquisito 3 Punti ITRA in una singola gara disputata dal 01 Gennaio 2018 al 31 Dicembre 2020.

Di poco meno impegnativa la EPIC 60K/4.700 D+. Gli atleti partiranno alle 5:00 del mattino di sabato 17 e raggiungeranno il punto più alto al Passo Monte Moro (2.868m) andando a completare entro 18h i 4.700m D+ complessivo. Un percorso molto tecnico dalle grandi emozioni ed ottimo come allenamento per i grandi ultratrail autunnali. Dettagli e traccia QUI.

Più breve e molto impegnativa sul piano del dislivello è la SKY 38K/3.100 D+ che partirà alle 6:00 del mattino e porterà gli atleti a raggiungere il punto più alto a Passo Monte Moro (2.868 m) e completare il percorso entro 12.5h con 3.100 m D+. Il percorso è molto tecnico e consente di godere dell''imponenza dei “4.000 svizzeri”. Per le gare 60K e 38K si consiglia di aver partecipato, ad almeno una gara trail di almeno 40 Km e 2.500 D+ in ambiente alpino.

Decisamente più abbordabile la challenge 22K/1.700 D+ che partirà alle 8:30 di sabato 17 e porterà gli atleti a completare i 1.700m D+ nel tempo di 7.5h. Gli atleti raggiungeranno il punto più alto alla Funivia Rosareccio (1.187m) e transiteranno ai piedi della parete Est del Monte Rosa, una vista emozionante a corredo su veri sentieri di montagna.

Chiudono le fila gli atleti della short 14K/850 D+ che partiranno alle 9:00 di sabato 17 con 5h per completare gli 850m D+ e raggiungeranno il punto più alto all’Alpe Bletz (1.714m). Il percorso è adatto anche a chi ha poca esperienza e consente di godere della storia e della bellezza del paese Walser Macugnaga da tutte le angolazioni.

Trattandosi di gare tecnicamente impegnative, ai partecipanti è richiesto uno specifico corredo di materiale obbligatorio e acquisizione di consapevolezza delle difficoltà del percorso. La partecipazione assegna punti ITRA, 5 per la 105K, 3 per la 60K, 2 per la 38K e 1 per la 22K.

“Ringrazio tutti i volontari che hanno lavorato per effettuare la pulizia dei sentieri, il teatro vero e proprio del MEHT, la componente più importante sia per la sicurezza dell’atleta che per la promozione dell’evento. Il nostro impegno è supportato economicamente dal Comune di Macugnaga che ci supporta e spalleggia sin da quando abbiamo iniziato a portare avanti la manifestazione come una scommessa. Ringrazio ancora la comunità intera perché ciascuno a proprio modo contribuisce alla buona riuscita del MEHT, è solo grazie alla sinergia di questa squadra che la manifestazione può avere successo. Mi auguro di riuscire ad attirare l’attenzione della componente alberghiera, se avremo la loro piena disponibilità riusciremo a raggiungere grandi risultati”, ha detto Paolo Ottone, Presidente di Sport Pro-Motion.

“Voglio ringraziare Paolo Ottone grazie al quale il nostro territorio sta conoscendo una maggiore internazionalità, è grazie a tutta la squadra che i sentieri sono puliti e transitabili e questo è un patrimonio importantissimo. Sono invece molto critico nei confronti degli albergatori, che dimostrano il loro scarso interesse nei confronti della manifestazione non essendo presenti in sala, perché continuiamo, nonostante sia il terzo anno, ad avere difficoltà nel reperire posti letto. Questo problema è ancora più inammissibile se si pensa che i posti letto sono disponibili, si tratta proprio di scarso interesse da parte degli albergatori. Credo fortemente che lo sport sia uno strumento per generare importanti ricadute economiche sul territorio ed è per questo che, come Comune, abbiamo contribuito, ad esempio, allestendo le aree di free camping”, ha detto il Sindaco di Macugnaga Stefano Corsi.

“Lo sport è sicuramente uno strumento attraverso il quale uscire dall’impasse della pandemia, per questo sento di dover ringraziare i volontari per la pulizia dei sentieri e Paolo Ottone che è l’anima organizzativa di questa manifestazione attraverso la quale ha messo in luce la nostra Valle Anzasca”, ha detto il Sindaco di Vanzone Claudio Sonzogni.

“Mi unisco ai ringraziamenti nei confronti dei volontari e degli organizzatori per aver acceso i riflettori sulla Valle Anzasca, aggiungo il mio in bocca al lupo per la riuscita della manifestazione”, ha detto Tania Bettineschi, Vicesindaco di Ceppo Morelli.

“Mi associo alle critiche sull’ospitalità specialmente dopo un anno in cui la pandemia ci ha penalizzati pesantemente. Dobbiamo essere una comunità unita e tenace per vincere la sfida e compartecipare lasciando da parte i campanilismi, lo sport può aiutarci a rilanciare il territorio e non posso che ringraziare quanti hanno contribuito per organizzare questa manifestazione. In bocca al lupo a tutti”, ha detto il Presidente del Distretto Turistico dei Laghi e Monti Francesco Gaiardelli.

TOP ATLETI
A scrivere per primo il suo nome nell’albo d’oro è stato Giulio Ornati nel 2018, poi seguito dal valdostano Franco Collè, vincitore nel 2019, capace di dare spettacolo nonostante il maltempo grave al punto da costringere a variazioni del percorso e che sarà nuovamente al via sulla ULTRA 105K assieme a Gianluca Galeati. Al femminile sono Giulia Saggin e Estelita Santin Fernandez le atlete che hanno fatto storia nelle prime due edizioni. Al via della 105K femminile ci sarà sicuramente l’atleta locale Alice Modignani Fasoli che tenterà di scrivere il proprio nome sulla distanza regina.

ISCRIZIONI APERTE
Iscrizioni online e informazioni dettagliate su: https://meht.it/. Attenzione al numero massimo di partecipanti.