1

villa nigra 1

MIASINO - 31-01-2021 -- Stanno procedendo celermente i lavori di restauro e recupero funzionale delle sale del piano terra di Villa Nigra, meravigliosa dimora storica di Miasino.


Gli interventi in corso  porteranno alla realizzazione di una piccola caffetteria, alcune sale showroom e al rifacimento dei bagni a servizio della Villa e del parco; questo lotto andrà a completare gli interventi precedenti fatti sull’Arancera e sulle altre sale al piano terra destinate a coworking e infopoint.


Il progetto è finanziato da Fondazione Cariplo e cofinanziato da Compagnia di San Paolo, Comune di Miasino e dall’ Associazione Culturale Asilo Bianco cui si aggiunge il contributo di alcune aziende partner.
I   lavori,   seguiti   dall’architetto   Elena   Bertinotti,   sono   stati   appaltati   a   novembre dello scorso anno  all’impresa
Tecnocostruzioni di Lenta e sono concentrati su una delle parti più antiche di Villa Nigra, una parte che risale alla fine del ‘500 ed una della fine del ‘600.

“La prima operazione è stata quella di riportare le sale nella loro spazialità originale, mantenendo gli elementi più significativi e liberandole da alcune aggiunte fatte negli anni ’30 dall’arch. Carlo Nigra -spiega bene l’architetto Elena Bertinotti- . Abbiamo iniziato le operazioni di risanamento dall’umidità facendo uno scavo di circa 50 centimetri posando degli igloo per fare un vespaio aerato e abbiamo compiuto alcune operazioni di consolidamento, in particolare sui voltini e sulle fondazioni. Abbiamo tolto l’intonaco ammalorato per un’altezza di circa un metro e mezzo per fare un ciclo di risanamento dell’umidità con intonaci deumidificanti. Ora si aprirà la fase di posa degli impianti e del riscaldamento a pavimento ed anche una fase molto interessante in cui andremo a carteggiare gli intonaci e scopriremo le colorazioni delle tinteggiature che si sono sovrapposte nell’arco di più di cinquecento anni. Dalle indagini   stratigrafiche  fatte   dal   restauratore   Federico   Barberi,   abbiamo   potuto   avere   delle anticipazioni   sulle   antiche   colorazioni.   Cercheremo   di   mantenere   il   più   possibile   queste stratificazioni, anche con un effetto “non finito”  -conclude l’architetto Bertinotti-  non solo per lasciare delle testimonianze storiche ma soprattutto per cercare di mantenere le atmosfere e il carattere di questi spazi".

Il progetto è decisamente meritevole di attenzione e la sua forza risiede anche  nella bella sinergia che si è venuta creata tra operatori, tecnici, amministratori, associazioni, enti, impresa, aziende partner e cittadini che con competenze, esperienze e professionalità diverse stanno continuando ad operare gli uni accanto agli altri al servizio della preziosa Villa Nigra, indiscutibilmente una delle più prestigiose dimore storiche  di tutto il Cusio.

r.a.

Foto credits: arch. Elena Bertinotti

villa_nigra_3.jpegvilla._nigra_2.jpeg