1

repubblica ossola 20 mix

DOMODOSSOLA -04-10-2020--  Con una riuscita manifestazione, pur rispettando il distanziamento sociale e l’uso delle mascherine, è stato ricordato davanti al monumento in piazza Matteotti il 76 anniversario della Repubblica Partigiana dell’Ossola. Presenti i gonfaloni della città di Domodossola, Busto Arsizio, Omegna, Verbania, della Regione Piemonte e della Provincia, i labari di diverse associazioni e alcuni sindaci con fascia tricolore, il Questore e Prefetto del Vco e i rappresenti delle forze dell’ordine.
 
Dopo gli onori alle varie autorità e gonfaloni presenti  c’è stato l’alza bandiera con le note dell’inno d’Italia. Poi la consegna della corona d’alloro al monumento  e gli interventi delle autorità.Il Sindaco Lucio Pizzi ha voluto ricordare, fra l’altro, il ragazzo di Colle Ferro che è stato ucciso perchè “non si girato dall’altra parte come hanno fatto i partigiani della Repubblica Partigiana che ci ha insegnato di pensare al bene comune e non al nostro benessere personale”.
 
Poi è stata la volta del presidente della Provincia, Arturo Lincio, e dell’onorevole Enrico Borghi. Il prefetto del Vco, ricordando l’importanza di questa esperienza che ha gettato i semi per la costituzione, rievocando l’importanza di quella esperienza.
 
L'orazione finale è stata tenuta da Giovanni Cerutti, dell’Istituto storico della Resistenza della provincia di Novara e Vco, il quale ha ricordato la figura di Piero Fornara, il primo prefetto della Liberazione.