1

arona teatro sull acqua

ARONA - 04-09-2020-- Dal 9 al 13 settembre

Arona tornerà a essere Città Teatro, grazie ai 10 anni di incontri di teatro e parola da celebrare con la direttrice artistica Dacia Maraini, e con una nuova produzione teatrale sull’acqua che vedrà Mariano Rigillo protagonista de “Un tagliatore di teste sul Lago Maggiore”, un racconto magico, tenero e poetico di Dacia Maraini. Si tratta di un testo rivisto e riadattato, già messo in scena del 2003 a Roma nel laghetto di Villa Borghese, è un vero e proprio omaggio di Dacia Maraini per i dieci anni del Festival. Il titolo allora era “Un tagliatore di teste a Villa Borghese”, e Tata, il boia, era impersonato da Ninetto Davoli. Nella nuova versione per le acque del Lago Maggiore Tata degli Angeli sarà Mariano Rigillo, accompagnato da Anna Teresa Rossini, Toni Fornaro, Salvatore Rancatore e Silvia Siravo.

Non mancheranno gli incontri con gli autori, tra questi Massimo Gramellini, Andrea Marcolongo, Viola Ardone, il grande viaggiatore e scrittore francese Sylvain Tesson presentato da Paolo Cognetti. E ancora, il direttore de La Stampa Massimo Giannini in dialogo con Dacia Maraini, Teatro di Strada e Performance artistiche alla Rocca Borromea, il Teatro nelle ville storiche con il ritorno di Boris Vecchio e Mariangela D’Abbraccio, interprete di Camille di Dacia Maraini. E non mancherà nemmeno il Menù della Poesia, che per questa edizione sarà in barca, sul lago.

L’edizione 2020 di Teatro sull’Acqua si arricchisce di due nuovi spazi teatrali, e dove se non sull’acqua?
Il programma artistico del Menu della Poesia si svolgerà sulla Barca Pinta, un’imbarcazione dei primi anni ‘30 restaurata dall’associazione Ottica Pesce, impegnata in progetti di fotografia naturalistica e nella divulgazione di antiche tecniche di pesca.
Il piroscafo Lombardia, oltre ad avere ospitato la conferenza stampa di presentazione del festival, è anche sede di un incontro con gli autori, la presentazione del libro “Le valorose ragazze di Lesa. Storia di donne del Novecento”.
Entrato in servizio nel 1909, il Lombardia è stata l’imbarcazione ammiraglia della flotta del lago, l’ultimo e il più grande dei piroscafi a ruote del Verbano. Scampata ai bombardamenti della seconda Guerra Mondiale e perfettamente conservata, ora è ormeggiata ad Arona vicino ai cantieri navali NLM.


In linea con questo progetto è anche la nascita di uno Young Board costituito all’interno dell’Associazione Culturale Teatro sull’Acqua, composto da tre ex volontarie, ora socie, che con il tempo sono arrivate a ricoprire ruoli di rilievo nell'organizzazione del festival.

L'idea di un teatro inclusivo si concretizza quest'anno anche nell'iniziativa del Biglietto Sospeso, creata in collaborazione con i Servizi Sociali del Comune di Arona. Il Biglietto Sospeso è destinato a quelle famiglie che a causa dell'emergenza sanitaria si sono trovate in difficoltà. La convinzione che muove l'iniziativa è che il teatro sia un bene primario, come cibo e acqua, e che come tale non debba costituire una rinuncia nemmeno in tempi di recessione economica. Chi vorrà potrà decidere di donare un biglietto del valore di 20 € per lo spettacolo “Un tagliatore di teste sul Lago Maggiore” con un contributo di 10 €. La differenza sarà a carico del Teatro sull’Acqua. Le persone a cui donare il biglietto sospeso saranno coinvolte con l’aiuto dei Servizi Sociali del Comune di Arona. È possibile acquistare uno o più biglietti sospesi tramite bonifico bancario con causale “Biglietto sospeso”, IBAN IT94P0335901600100000018566 - Festival delle due rocche, oppure tramite la piattaforma PayPal.

Teatro sull’Acqua vuole ringraziare medici, infermieri e tutto il personale sanitario per la loro dedizione alla cura delle persone durante i mesi dell’epidemia: per questo mette a loro disposizione alcuni biglietti gratuiti per lo spettacolo “Un tagliatore di teste sul Lago Maggiore”.
Per usufruirne sarà sufficiente inviare una mail di prenotazione entro martedì 8 settembre 2020 a
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Programma e dettagli su: www.teatrosullacqua.it

Foto repertorio