1

omar pedrini toceno mix 20

TOCENO-09-08-2020--Metti una sera di mezza estate,

Omar Pedrini e Federico Scarioni, un reading con chitarra e la piazza di Toceno, trasformata in salotto. In tanti, appassionati di musica rock o semplici curiosi, ieri sera hanno partecipato all'evento nato dalla sinergia attiva della Pro Loco, dell'architetto Alberto Clementi, dello scrittore Federico Scarioni, dell'artista Gabriele Cantadore e di Bruno Testori, fondatore del gruppo Amici dell' Arte di Toceno.

Una magica serata all'insegna della musica, della scrittura e della pittura ( nella sala parrocchiale di fianco alla piazza, era stata appena inaugurata, ieri sera la mostra di Gabriele Cantadore). Emozioni in musica e in parole per un evento, nato dalla complicità di alcuni amici, in cui il celebre artista bresciano ha ripercorso le tappe principali della sua carriera e della sua vita da rockstar, sublimate nel libro "Cane sciolto" , odissea rock, prodotta da Chinaski Edizioni e curata dallo scrittore milanese Federico Scarioni, giunto con successo alla terza ristampa.

Tra i fondatori dei " Timoria" , storica rock band italiana, di cui è stato chitarrista e poi voce solista dopo l'addio di Francesco Renga, seguito dallo scioglimento del gruppo nel 2003 e una tentata reunion, Pedrini ha deciso di proseguire con successo la carriera solista con una sua band con la quale a dicembre 2019 ha concluso con ottimi riscontri il tour " Timoria - Viaggio senza vento". Omar è un artista decisamente trasversale, docente di master all' Università Cattolica di Milano, poeta, showman e conduttore televisivo, appassionato di pittura, cucina gourmet e degustatore di vini d'eccellenza , sempre pronto a regalare un sorriso.

Nel libro "Cane sciolto" si racconta del coraggioso percorso umano e artistico, della rinascita dopo una vita di eccessi, fino all'aneurisma che lo ha colpito nel 2004 e l' operazione d'urgenza al cuore, nel 2014. Accompagnato dalla sua fedele chitarra dalla quale non si separa mai, Omar non si è risparmiato e ha emozionato il pubblico presente in piazza, raccontando di sè, pezzi della sua vita mai banale, ricordando il celebre giornalista Luigi Veronelli, gli incontri con il paroliere Mogol e poi le collaborazioni con personaggi del calibro di Lawrence Ferlinghetti, Mauro Corona, Noel Gallagher, Alejandro Jodorowsky, intervallati da alcuni brani cult di cui è autore tra i quali "Sangue impazzito", " Sole spento" e concludendo con una cover della PFM "Impressioni di settembre". Una vibrante energia positiva, la sua, che il pubblico avverte particolarmente nei live.

" Oggi si è creato un esercito delle arti unito, perché c'erano la pittura, la letteratura e la musica, io amo quando le forme d'arte si intersecano fra loro, ho anche diretto un festival a Brescia per cinque anni, " Brescia Music Art" , un festival delle contaminazioni e questo percorso l'ho portato in Cattolica, in Università con i miei corsi. Affascina molto pensare che l'arte sia la figlia di un comune sentimento a cui noi diamo il nome di di musica, pittura, poesia, danza, però il sentimento, l'ispirazione dell'artista è il medesimo", racconta ai microfoni di VCO 24, Omar Pedrini . Toceno ieri sera, illuminata dalle muse dell'arte, era ancora più bella.

Elisa Pozzoli