1

finanza libro ragozza mix 19 gdf

DOMODOSSOLA- 06-10-2019- Un minuto di silenzio per ricordare i due agenti della Polizia di Stato uccisi a Trieste: c’è stato anche questo momento di condivisione del dolore delle famiglie e di espressione di unità fra le Forze dell’Ordine, in occasione della presentazione del libro "In nome della legge - Domodossola, l'Ossola e le Fiamme Gialle - Vicende storiche e cronache operative della Guardia di Finanza (1774-2019)", che ricostruisce 275 anni di storia del Corpo sul territorio ossolano, presentato nella mattinata di sabato 5 ottobre a Domodossola.

Gremita la sala dell'Unione montana di via Romita, non solo da finanzieri in congedo ed in servizio, da sindaci, autorità militari e religiose, ma anche da numerose persone interessate a conoscere una parte di storia ossolana fino ad oggi quasi sconosciuta e fatta emergere nelle oltre 400 pagine del lavoro redatto dal maggiore della Guardia di Finanza Gerardo Severino, Direttore del Museo Storico del Corpo e autore di una ottantina di libri oltre a saggi ed articoli di storia militare e da Pier Antonio Ragozza, studioso di storia locale dell’Ossola e militare, in particolare delle due guerre mondiali e della Resistenza.

In apertura ha portato il suo saluto il Presidente della sezione di Domodossola dell’Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia Stefano Mura, vera anima dell’iniziativa e che ha dato un notevole apporto alla realizzazione del libro, citando pure la ricorrenza del centenario della prima fondazione del sodalizio ossolano delle Fiamme Gialle in congedo, a cui ha fatto seguito quello del Generale Mauro Santonastaso  Vicepresidente nazionale ANFI per l'Italia Settentrionale, che ha richamato l’esperienza del suo primo servizio come ufficiale in Ossola e del bel ricordo che ha sempre conservato di questa valle e di Domodossola.

Diversi sono stati infatti i giovani tenenti o capitani della Guardia di Finanza che sono stati alla caserma “Urli” di Domodossola e che poi hanno proseguito con una brillante carriera giungendo al grado di Generale, tra questi il Gen. Antonio Appella oggi al vertice del Comando Regionale Molise e che ha voluto partecipare alla presentazione del libro.

Massima autorità presente il Generale di Corpo d'Armata  Giuseppe Vicanolo Comandante Interregionale dell’Italia Nord-Occidentale, che ha portato anche il saluto del Comandante Generale della Guardia di Finanza, sottolineando il positivo legame fra Finanzieri in servizio e l’ANFI, plaudendo all’iniziativa libraria ossolana e complimentandosi con gli autori.

Ad accompagnare il Gen. Vicanolo, anche il Comandante regionale della Guardia di Finanza del Piemonte, Generale di brigata Giuseppe Grassi, ed il Colonnello  Giuseppe Di Tullio Comandante Provinciale della Guardia di Finanza di Verbania.

Nell’intervento del sindaco di Domodossola Lucio Pizzi è stato evidenziato il ruolo delle Fiamme Gialle nella lotta di liberazione ed in particolare durante i “40 giorni”, ricordando che anche per questo l’iniziativa si inserisce nell’ambito delle manifestazioni per il 75° anniversario della Repubblica partigiana dell'Ossola, mentre nel  suo saluto, il Presidente della Provincia Arturo Lincio ha voluto sottolineare il duro e sacrificato servizio alla frontiera svolto dai Finanzieri e che meritava di essere ricordato.

E’ toccato poi al giornalista Carlo Bologna, capo della redazione di Novara e Verbania del quotidiano “La Stampa”, presentare "In nome della legge", tracciandone i contenuti e rimarcando la novità della ricerca e delle inedite informazioni che questa propone, per un libro che non riguarda solo le Fiamme Gialle ma l’Ossola intera, raccontando un legame che dura da 245 anni e che bene è stato espresso nella bella copertina, firmata da Giampaolo Prola – Studio Arkide di Domodossola, un lavoro che ha potuto concretizzarsi grazie a Grossi editore che lo ha pubblicato.

Bologna ha poi simpaticamente interloquito con i due autori, Gerardo Severino e Pier Antonio Ragozza, con domande legate agli aspetti della ricerca fatta - nell’archivio dell’Ufficio Storico del Comando Generale della Guardia di Finanza a Roma e a livello locale – intersecando i due livelli di indagine, ma facendo scaturire anche aneddoti ed episodi significativi, talvolta curiosi altre volte tragici, ripercorrendo quasi due secoli e mezzo di storia, con l’importante tassello della “Repubblica dell’Ossola” e del ruolo dei Finanzieri in quel periodo.

Al termine della presentazione, il Sindaco Pizzi ha consegnato alcune targhe e pure l’ANFI ossolana ha voluto omaggiare le Sezioni consorelle presenti, le cui rappresentanze erano provenienti da diverse località italiane, rappresentanti delle Fiamme Gialle e coloro che con diverse modalità hanno reso possibile la realizzazione del libro "In nome della legge".

Foto e video di Ale Velli

 

 

2BCF1338-56A8-4159-B04E-255BBA403B7E.jpeg49493A54-FD13-4F63-BC32-8E0224A3A994.jpeg89670416-74CF-45AB-A9B0-69F5FE27A47A.jpegD461DCCB-9C35-43BA-9565-8B54247BB7A6.jpegC577ABF3-E104-49D2-9822-998D9D4E6D3A.jpeg2C43277D-2768-4B4E-9264-0C9873303F0C.jpeg17282D8C-1687-4683-9A80-1C4DB114818A.jpegFB0C315B-B2F7-4551-A2AF-69FF0E6B9CE5.jpeg40D2CE80-6C37-448A-8C96-C9B7DDDDAA38.jpeg4822A6A2-3CD4-4A09-BFB4-AD83A60477E0.jpeg894C2BCA-8644-42A6-AF8F-9E2A00132B18.jpegB4E530EA-7A03-4CE5-8DB1-9295D5E19ECA.jpegFFD709C6-0E3C-49E7-BBD6-90C9085A6FB7.jpeg