1

alpini grassona

GRASSONA-03-09-2018 - Due giorni di festa per 

il quarantaduesimo anniversario di fondazione del gruppo alpini Colma-Grassona-Egro, svoltisi sabato 1 e domenica 2 settembre a Grassona. Sabato sera la compagnia comico-dialettale “la Compagnia de la Malgascia” ha intrattenuto il numeroso pubblico con la commedia “ Ieri d’Istà” e a seguire presso il locali de “la Capannina” si è festeggiato con una bella “spaghettata alpina”. Il clou dei festeggiamenti, però, è stato domenica mattina quando, alla presenza del sindaco Gian Carlo Ricca, anche lui alpino, dopo il ricevimento dei gruppi alpini e l’alza bandiera, si è svolta la sfilata delle rappresentanze attorno al paese di Grassona, accompagnati dalla banda “l’alpino di Massiola”, ufficialmente riconosciuto come “borgo alpino d’Italia”. Il corteo si è sciolto davanti al monumento ai caduti della Grande Guerra, dove il cappellano don Tino Temporelli, ha officiato la messa. Nell’omelia il sacerdote ha ricordato come sia sempre più importante essere autentici, evitare maschere e ha esortato gli alpini ad essere sempre baluardi di questa autenticità. A seguire sia il sindaco di Cesara, Gian Carlo Ricca, sia il vicepresidente della sezione ANA CUsio, Manfredi Giancarlo, hanno ricordato come nonostante gli orrori vissuti nelle due Guerre Mondiali ed in particolare l’aver perso 600 mila uomini solo nella Grande Guerra, oggi non si sia ancora capito come ogni conflitto sia in realtà inutile. A conclusione delle celebrazioni, i presenti hanno potuto pranzare in compagnia presso la capannina.