1

trekking

BEURA CARDEZZA - 31-08-2018 - Un trekking sotto i "Cieli liberi", quelli non ancora solcati dal super-elettrodotto Svizzera-Italia. Lo organizza per il weekend il "Comitato Salviamo il paesaggio Valdossola". L'occasione è la chiusura del secondo Studio di impatto ambientale e paesaggistico, condotto dai collaboratori esperti del Comitato sul tratto di Interconnector Svizzera-Italia 380 kV che va dal Passo di San Giacomo alla centrale di Pallanzeno (47 km). Il trekking "facile e libero" per vedere e toccare con mano le bellezze naturalistiche interessate dal progetto di Terna SpA. "Lo Studio, sviluppato per l’elaborazione autonoma dalla nostra Agenzia Regionale di Protezione dell’Ambiente, ha confermato nei risultati che tali bellezze naturalistiche sono di elevatissima importanza ambientale, quindi meritevoli di essere conservate per la loro valorizzazione presente e futura, e pertanto il progetto è da rifare", spiegano gli organizzatori.
IL TREKKING CIELI LIBERI 
Spiegano gli organizzatori: "Quest’anno il Trek Cieli Liberi 3.0 porterà gli amanti delle gite con scarponi e zaino sui sentieri internazionali della Valle Formazza (GTA), per ammirare il Lago Superiore e le sue praterie alpine, ancora oggi allo stadio di integralità primordiale dai tempi della Creazione.
Sabato e domenica 1–2 settembre: si salirà da Fondovalle (1220 m) all’Alpe Stavelli per osservare il bosco da seme di Pino Cembro, un raro biotopo in eccellente stato di conservazione; la pausa panino è prevista al Lago Superiore un fantastico occhio blu che sarà sacrificato per sempre dalla nuova linea elettrica in altissima tensione, che Terna attende di poter costruire con il benestare del Ministero dell’Ambiente e della Regione Piemonte; nel pomeriggio, salita al Passo di Hendar (2419 m) e poi discesa nella valle di Bosco Gurin per raggiungere infine la Capanna Grossalp (1907), presso il cui rifugio svizzero gestito è prevista la cena e il pernottamento. L’indomani, ripartenza per il Passo di Guriner e per il Passo della Foglia (2350 m) per contemplare la flora protetta della dorsale lepontina orientale e per augurarsi l’avvistamento dell’aquila reale e/o del gallo forcello.
Durante il trekking, condotto da guide esperte e abilitate, verranno date altre notizie di tipo naturalistico sui luoghi attraversati e informazioni sullo stato dell’arte del progetto Interconnector Svizzera-Italia 380 kV. In particolare, sugli studi delle criticità indotte dalle grandi linee elettriche con il metodo messo a punto da ARPA Piemonte e che il comitato ha applicato, per verificare che gli indici di non fattibilità dell’opera sotto esame sono in cima alla scala numerica: valore eccezionale. Anche questo secondo dossier è stato inviato al MiBACT in virtù di “Osservazioni del pubblico” al progetto. Il primo dossier era stato concluso all’inizio di agosto con gli stessi valori di criticità eccezionali ed era riferito allo Studio del nuovo tratto di linea a 220 kV “Centrale di Ponte-Stazione elettrica di Verampio”.
Quota di partecipazione al Trek Cieli Liberi 3.0: euro 20,00 per sostenere le attività di comunicazione e di difesa dell’Ambiente del comitato Salviamo il Paesaggio Valdossola. Il sodalizio agisce in modo volontario e indipendente con l’aiuto di volontari liberi e unici che, se non ci fossero, “bisognerebbe inventarli”. Il passo del gruppo sarà quello del partecipante più lento. Il meteo è previsto bello. Informazioni e prenotazioni ai numeri: 3386132825 – 3488828001.